Puliamo Casa con il Limone

Puliamo Casa con il Limone

È risaputo che il Limone abbia delle proprietà detergenti e antibatteriche. Ma lo sapevate che il Limone è un valido aiuto per le pulizie domestiche? Ebbene sì! Sono molti gli usi pratici ed economici del Limone che ci assicurano un pulito ecologico e biocompatibile.

Pulire il forno, sgrassare i taglieri di legno, pulire e deodorare il frigo, lucidare la rubinetteria sono tutte mansioni quotidiane nella gestione di una casa. Nell’era dello stress, delle allergie e delle crisi economiche ci è sembrato utile dare dei consigli su prodotti naturali ed economici.

L’unica avvertenza è di non utilizzare questi rimedi caserecci sulle superfici o sui materiali delicati, come il Marmo e le pietre naturali. È bene testare il prodotto su una piccola parte nascosta della superfice da trattare, per evitare spiacevoli sorprese. Comunque bisogna sempre stare attenti alle indicazioni di fabbrica delle superfici da pulire.

Pulire i Piatti:

Nella maggior parte dei detersivi liquidi trovate scritto:  “la forza smacchiante del Limone!”. La domanda è: Perché continuare a comprare prodotti? Perché non proviamo il fai da te?

Ingredientiper creare un Detersivo Liquido per i piatti (lavaggio a mano):

-       8 limoni

-       800 ml acqua

-       300 gr sale

-       200 ml di aceto di vino bianco

Preparazione:

-       Tagliare i limoni a pezzi, togliendo i semi e lasciando la buccia.

-       Frullare insieme ad un po’ di acqua e al sale.

-       Prendete una pentola e inserire il composto aggiungendo il resto dell’acqua e l’aceto.

-       Fare bollire per circa 10 minuti, girando spesso per evitare le aderenze alle pentole.

-       Filtrare tutto il composto per evitare rimasugli di Limone ancora solido.

-       Una volta finito il composto, attendere che raffreddi e metterlo in vasetti di vetro.

Ed ecco a voi il vostro detersivo fatto in casa!

Pulire il Forno

Siete stanche di comprare centinaia di prodotti per pulire il forno … che alla fine vi lasciano il forno pieno di aloni o con il cattivo odore di detersivo? Beh se questo è il vostro caso, allora è arrivato il momento di utilizzare i metodi della nonna.

Pulizia Giornaliera:

Per la pulizia giornaliera, dopo l’utilizzo del forno, vi consiglio di passare con un panno in microfibra imbevuto di aceto bianco il vostro forno.

Oppure, create all’interno di una bottiglia con spruzzino il vostro composto fai da te: semplicemente con un litro acqua, il succo di un limone, due cucchiai di bicarbonato. Spruzzate sul forno e passate sulle pareti con un panno in microfibra.

Pulizia Profonda:

-       Mettete un litro d’acqua e il succo di un limone all’interno di una pirofila da forno  (Importante: Non buttate le bucce del limone, ci serviranno successivamente).

-       Accendere il Forno a 100° e inserire la pirofila con il composto all’interno del forno per circa 30 minuti, in questo modo l’umidità generata dell’acqua comincerà a scrostare il forno.

-       Spegnere il forno al termine dei 30 minuti, togliere la pirofila (Importante: fate attenzione la pirofila è piena di acqua caldissima, potreste bruciarvi, quindi utilizzate i guanti per questa operazione). Non buttare l’acqua, ci servirà più avanti.

-       Con il forno ancora caldo, passare le bucce del limone sulle pareti del forno e nel vetro del forno.

-       Se la buccia è poco umida, immergetela nel liquido della pirofila.

-       A questo punto con un panno in microfibra, inumidito con l’acqua e limone della pirofila, strofinare le pareti e il vetro del forno.

-       Se avete incrostazioni più pesanti, potete utilizzare la spugna abrasiva imbevuta con il liquido della pirofila.

-       Infine sciacquate con acqua del rubinetto

-       Asciugate per bene il vostro forno con un panno asciutto.

E voilà … il forno è pulito!

Smacchiare i Taglieri in legno

Capita spesso che dopo aver sfilettato il pesce o la carne sul tagliere di legno, anche dopo averlo lavato accuratamente con il detersivo, rimangano delle macchie superficiali sul tagliere. Il nostro metodo per smacchiare il tagliere è quello di spremervi sopra un limone e lasciare che il succo venga assorbito dal legno. Qualora il tagliere fosse ancora macchiato, dividi un limone e con la metà del limone (dal lato della polpa) strofinate la superfice. Procedete poi con un normale lavaggio sotto l’acqua.

Pulire il frigo con il limone

Nel caso di pulizia Approfondita:

Prendete un recipiente, mettete mezzo litro di acqua e un cucchiaino di bicarbonato. Mescolate bene.

A questo punto prendete un panno e immergetelo nel liquido.  Pulite bene. Questo primo composto serve a pulire le macchie all’interno delle parti fisse interne del frigo.

Per le parti mobili all’interno del frigo, come ad esempio il vetro dei ripiani e le griglie, consigliamo di estrarre tali parti e di riporle in una bacinella con due litri di acqua e un bicchiere di aceto di vino bianco. Lasciate agire per 30 minuti, risciacquate sotto il rubinetto e asciugate bene tutte le parti.

Nel caso di pulizia ordinaria del frigo:

Per la pulizia ordinaria o per concludere il procedimento suesposto, consigliamo di mettere all’interno di una vecchia confezione di detersivo spray un composto formato da un bicchiere di acqua e il succo di un limone. Spruzzare il composto sulle superfici del frigo, a questo punto passate un panno in microfibra. Con questo sistema si elimineranno tutti i cattivi odori e si otterrà un frigo igienizzato.

Ecco il vostro frigo splendente!

Lucidare la rubinetteria

Uno dei problemi di noi donne moderne è fare brillare i rubinetti della cucina o del bagno. Il problema è il calcare. Cosa fare in questi casi?

Prendi mezzo limone e spremilo in una ciotola. Versare il contenuto sul rubinetto. Strofinare con uno spazzolino (se il tuo rubinetto è particolarmente delicato utilizza una spugna antigraffio), risciacquare e asciugare con un panno in cotone.

Qualora ci fossero macchie ostinate, rimettere il limone sulla macchia e cospargere la macchia con il bicarbonato, quest’ultimo comincerà a “frizzare” a contatto con il limone. Strofinare con un panno umido, risciacquare e asciugare con un panno in cotone.

IMPORTANTE: in caso di rubinetti di pietre naturali o di acciaio inossidabile evitare questo composto ed usare i detersivi consigliati dal produttore.

Diffondere aromi nell’ambiente

Siete stanche dei deodoranti spray dai costi esorbitanti, che si finiscono nel giro di poche settimane? Ecco un rimedio naturale, biologico e senza sostanze tossiche.

1)    Candela profumata:  

Basteranno:  i limoni, fondamentali per contrastare i cattivi odori; il rosmarino, noto per il suo aroma intenso.

Preparazione:

Tagliate, con un coltello a lama liscia, i vostri limoni a fette.

Tagliate a pezzettini il rosmarino.

Versate 600 ml di acqua in un pentolino e immergete le fette di limone e il rosmarino precedentemente tagliati. Coprite il pentolino con un coperchio e mettetelo sul fuoco fino ad ebollizione. A questo punto spegnete il fuoco e togliete il coperchio.

Prendete un barattolo di vetro e versate il composto all’interno, lasciate raffreddare.

Infine chiudete il barattolo con il coperchio e riponete il tutto nel freezer per alcuni minuti.

A questo punto tirate fuori dal freezer il barattolo, togliete il coperchio.

Procuratevi lo “stoppino” della candela (sicuramente a casa avrete delle candele finite, non buttate lo stoppino…noi ricicliamo tutto) e ponetelo sopra il composto, ormai solido.

Accendetelo ed ecco a voi la vostra candela profumata.

 

2)    Deodorante elimina odori:

Cosa serve? Uno spruzzino vecchio; due bicchieri di acqua; un cucchiaino di bicarbonato; due cucchiai abbondanti di succo di limone. A questo punto mettete tutto all’interno dello spruzzino, shakerare tutto e il gioco è fatto!

Ci auguriamo che quest’articolo sia stato di vostro gradimento.

                                   Staff AgriCri